Black Diamond, MONTALBANO 10-11 OTTOBRE 2009

SITUAZIONE GEOPOLITICA

La regione del CALANCO ANGOLANO, è da sempre crocevia di traffici più o meno leciti di gemme preziose e minerali rari che permettono ai governi locali di arricchirsi e comprare armamenti dagli stati occidentali che doppiamente traggono profitti dall’estrazione e dalla vendita delle armi agli stessi governi dittatoriali.
Dopo l’ultimo colpo di stato si è visto il tracollo economico e finanziario anche delle floride imprese che appoggiavano il governo destituito e nel caos ne ha approfittato una certa “MINERAL INTERNATIONAL COMPANY” (detta M.I.C.) con una facciata ufficiale filo-governativa ma dietro sembrerebbe ci siano potenze straniere interessate ad accaparrarsi gli ingenti giacimenti di gemme e minerali della regione. La M.I.C. ha dovuto subito fare i conti con le tribù di guerriglieri locali che da prima si spartivano i profitti del mercato nero dei diamanti ed ora sembrano essersi messe ognuna per conto suo per il massimo guadagno.

Posted by | View Post | View Group

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.